FAQ Misura 6.4.2 Sostegno alla costituzione e allo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche • Bando 2021

AGGIORNAMENTO FAQ

30 NOVEMBRE 2021, QUESITI 1-5

20 GENNAIO 2022, QUESITI 6-17

 

QUESITO 1

Un’azienda iscritta all’elenco regionale degli operatori agrituristici può procedere a richiedere il sostegno per investimenti coerenti con quelli previsti all’art. 5, escludendo investimenti afferenti attività di fattorie didattica o sociale, senza aver l’obbligo di richiedere l’iscrizione all’elenco fattorie didattiche?

E’ sufficiente che un’azienda agrituristica sia iscritta all’elenco degli operatori agrituristici o debba necessariamente, anche se non vuole candidare investimenti né diventare fattoria didattica, richiedere l’iscrizione all’elenco regionale delle fattorie didattiche?

RISPOSTA 1

È richiesta la domanda di iscrizione all’albo di riferimento in relazione alla specifica tipologia di attività da intraprendere; per quanto attiene alle aziende che esercitano esclusivamente attività agrituristiche è richiesta solo l’iscrizione all’Elenco Regionale degli Operatori Agrituristici (EROA) come disposto espressamente dall’art. 4 del Bando.

QUESITO 2

È possibile accedere alla Sottomisura 6.4.2 nonostante il richiedente abbia rinunciato alla “Misura 311 azioni A e B” (3.1.1) nel 2021?

RISPOSTA 2

La candidatura della domanda di sostegno può essere presentata anche da parte delle aziende che hanno beneficiato di contributi a valere sulle Azioni A e B della Misura 311 del PSR Basilicata 2007-2013 alle quali non verrà attribuito il punteggio di 15 punti relativo al criterio di selezione di cui all’Art. 11 del Bando.

QUESITO 3

Art. 5 Recupero funzionale di immobili, siti nell’azienda agricola e accatastati. Non possono essere oggetto d’intervento i fabbricati collabenti.

Tale requisito è da intendersi prima dell’inoltro al SIAN? O pubblicazione bando?

RISPOSTA 3

Si ribadisce che non possono essere oggetto d’intervento i fabbricati identificati “collabenti” che, ai sensi del D.M. 02/01/1998, n. 28, sono costruzioni inidonee ad utilizzazioni produttive di reddito e alle quali non viene attribuita una rendita catastale.

L’eventuale ripristino funzionale, se possibile, deve essere effettuato prima della candidatura della domanda di sostegno.

QUESITO 4

Si chiede per le tipologie di intervento indicate ai punti 2), 3) e 4) dell’art. 5 del bando indicato in oggetto, se l’importo massimo dell’aiuto pari a € 50.000,00 è riferito a ciascuna tipologia di aiuto (aiuto totale 150.000 euro) o al totale complessivo ottenibile?

RISPOSTA 4

Per le tipologie di intervento indicate ai punti 2, 3 e 4 dell’art. 5 del Bando l’importo massimo dell’aiuto ammissibile è pari a 50.000,00 euro.

QUESITO 5

Con la presente si chiedono delucidazioni sulla procedura indicata a pag. 11 del bando. Nello specifico si chiede a quale procedura SIAN si fa riferimento.

RISPOSTA 5

Il MANUALE OPERATIVO UTENTE per la Gestione e Consultazione Preventivi è disponibile al seguente link:

http://europa.basilicata.it/feasr/manuale-utente-gestione-preventivi-domande-sostegno/

QUESITO 6

È possibile accedere al bando nonostante abbia rinunciato alla Misura 311 – azioni A e B – nel 2012?

RISPOSTA

Si, alle condizioni disciplinate dal nuovo bando.

QUESITO 7

L’art.9 comma 8 consente il metodo di confronto fra preventivi ai fini della scelta del macchinario da acquistare presentando almeno tre preventivi di spesa confrontabili forniti da fornitori diversi. Si chiede di specificare se i beni oggetto di confronto possano essere macchinari non identici in termini di marca/modello ma con similari caratteristiche tecniche e prestazionali; ad esempio per una cucina professionale possono essere presentati preventivi di confronto per un forno di pari capacità (litri), potenza (watt), alimentazione (elettrico) ma di diversa marca/modello?

RISPOSTA

Le offerte devono essere comparabili rispetto alle caratteristiche tecniche e prestazionali e competitive rispetto ai prezzi di mercato (gli importi devono riflettere i prezzi praticati effettivamente sul mercato e non i prezzi di catalogo).

Devono essere presentate esclusivamente attraverso la procedura automatizzata del SIAN secondo le modalità descritte nel Manuale operativo utente per la Gestione e Consultazione Preventivi pubblicato al seguente link: http://europa.basilicata.it/feasr/manuale-utente-gestione-preventivi-domande-sostegno/

La procedura informatica è strutturata per richiedere offerte a ditte diverse in modo da assicurare la confrontabilità delle stesse.

QUESITO 8

Per una fattoria didattica l’importo progettuale ammissibile è 100.000 euro di cui finanziabili 50.000?

È finanziabile l’installazione di un impianto ad isola fotovoltaico?

È finanziabile l’acquisto di un drone?

RISPOSTA

Per gli interventi di recupero funzionale di immobili presenti in azienda, siano essi destinati all’attività agrituristica o di fattoria didattica, il sostegno sarà erogato in regime “de minimis” e sotto forma di contributo in conto capitale per un’entità massima pari al 50% del costo dell’investimento totale e fino ad un massimo di euro 200.000,00 per azienda.

Gli impianti fotovoltaici sono ammissibili purché il progetto preveda una soluzione integrata o semi-integrata finalizzata all’installazione dei pannelli sugli elementi di copertura degli immobili.

Non è finanziabile l’acquisto dei droni.

QUESITO 9

Il laboratorio polifunzionale può essere realizzato in un immobile presente in azienda avente un uso strumentale all’attività agricola?

RISPOSTA

Il laboratorio polifunzionale, attrezzato per trasformazioni che vanno verso prodotti non agricoli (fuori Allegato I del TFUE), può essere realizzato in un immobile già presente in azienda non più necessario alla conduzione del fondo (cfr. art. 7 della Legge regionale n. 17/2005).

QUESITO 10

La mia società ha per oggetto l’esercizio dell’attività agricola e delle attività connesse rientranti e risulta iscritta al Registro delle Imprese con la qualifica di Impresa agricola (Sezione speciale) può partecipare al Bando o deve necessariamente avere il requisito di Società agricola?

RISPOSTA

Le società agricole devono essere costituite nel rispetto del D.Lgs. n. 99/2004 e s.m.i., in particolare, nella denominazione della società, deve essere riportata la parola “agricola”, nell’oggetto sociale dello statuto deve essere riportato “l’esercizio esclusivo delle attività agricola e delle attività connesse”

QUESITO 11

Il requisito di iscrizione INPS è relativo al lavoratore autonomo (IAP/CD) o all’azienda (datore di lavoro agricolo) o ricorrendone i requisiti ad entrambe le figure?

RISPOSTA

Il requisito relativo all’iscrizione all’INPS è richiesto, a prescindere dalla qualificazione giuridica di IAP o di coltivatore diretto, sia per il lavoratore autonomo che per l’azienda.

QUESITO 12

Gli edifici destinati alle attività che devono essere strumentali all’attività agricola, all’atto della presentazione della domanda, devono essere già accatastati come d/10 e/o in categoria c/2 e/o c/6 con annotazione dei requisiti di ruralità?

RISPOSTA

Ai sensi dell’art.5 – Tipologia degli interventi e delle spese ammissibili – del Bando gli immobili presenti in azienda, regolarmente iscritti al catasto, devono avere una destinazione d’uso strumentale alle attività agricole.

QUESITO 13

Il Bando prevede l’iscrizione e /o la richiesta di iscrizione dell’azienda nei relativi albi degli agriturismi e/o delle fattorie didattiche. Nel caso delle fattorie didattiche, come sopperire al fatto che in Basilicata non risultano programmati a breve corsi per operatori di fattorie didattiche? È eventualmente possibile acquisire tale formazione in altre regioni o in strutture di formazione private? A tal proposito preciso che la mia società in data 25/06/2020 ha presentato presso l’Alsia la domanda di iscrizione al corso per fattorie didattiche: corso che successivamente è stato sospeso a causa dell’emergenza Covid19.

RISPOSTA

I corsi abilitanti per l’iscrizione all’elenco regionale delle fattorie didattiche sono organizzati dall’ALSIA.  Ai fini della candidatura è necessario aver prodotto domanda di iscrizione all’Elenco Regionale delle fattorie didattiche prima del rilascio della domanda di sostegno sul portale SIAN.

Per partecipare ai corsi è necessario presentare la richiesta utilizzando lo schema di domanda reso disponibile sul sito dell’Alsia al seguente link: https://www.alsia.it/opencms/opencms/Temi/attivita/FATTORIE-DIDATTICHE/

QUESITO 14

È possibile acquistare cucine industriali, cuocipasta, friggitrici, forno, ecc.

RISPOSTA

L’acquisto di macchinari ed attrezzature deve essere strettamente funzionale al progetto e rientra nella tipologia di intervento n. 4 descritta all’art. 5 del Bando.

Per le tipologie di intervento 2 – Piccole costruzioni ex-novo, 3 – Agricampeggi, aree verdi attrezzate, ecc. – e 4 – Acquisto di nuovi impianti, macchinari ecc. – l’importo del contributo complessivamente ammissibile è pari ad euro 50.000,00.

QUESITO 15

Un’azienda agricola vorrebbe installare delle strutture inamovibili (tipologia bungalow – tenda) con la finalità di dare alloggio e pernotto ai potenziali clienti.

Si precisa che le strutture di che trattasi sono del tipo inamovibile per le quali risulterà necessario, in caso del buon esito, una richiesta di permesso a costruire al pari di una struttura in muratura. Queste presentano uno scheletro strutturale in legno ed una sottostruttura in acciaio. Le strutture agganciate al suolo con plinti e collegate ai sottoservizi (acqua, imof ed elettricità) e munita di servizi igienici….

Si richiede se tale tipologia di struttura è ammissibile ai sensi del bando e, in caso di risposta positiva, in quale tipologia d’intervento di cui all’art. 5 del bando rientrerebbe.

RISPOSTA

No, non possono essere installate/costruite strutture inamovibili tipo bungalow o tende con la finalità di dare alloggio e pernotto ai potenziali clienti.

Cosi come stabilito all’art. 3 della L.R. 17/2005 per attività agrituristica si intende l’attività di ricezione ed ospitalità esercitata dagli imprenditori agricoli o dai loro familiari nelle strutture presenti in azienda o in parti di esse non più necessarie alla conduzione del fondo.

Lo stesso articolo 3 al punto 3a) precisa che l’ospitalità può essere esercitata nell’abitazione dell’imprenditore agricolo o nei locali a ciò destinati siti all’interno dell’azienda agricola o in spazi aperti destinati alla sosta di campeggiatori all’interno dell’azienda stessa.

L’articolo 11 – punto 1 – della stessa legge chiarisce, poi, che i turisti campeggiatori devono essere dotati di tende o di altri mezzi di soggiorno autonomo.

QUESITO 16

In relazione all’articolo 5 del bando agriturismo nel quale è riportata la seguente dicitura:

Gli aumenti volumetrici sono consentiti solo nel caso di esigenze tecniche, funzionali o di adeguamento igienico– sanitario giustificate nella relazione tecnica sottoscritta dal progettista.

Considerato l’art. 7 della Legge Regionale 17 del 2005 e l’art. 5 del regolamento del turismo rurale in applicazione L.R. 25 febbraio 2005 n. 17, si chiede se è possibile considerare la ristrutturazione di un fabbricato da destinare ad agriturismo e durante la fase di rifacimento del tetto,  prevedere l’innalzamento del tetto stesso (e quindi della zona da destinare a mansarda) tale da permettere la realizzazione di camere per ospitalità riservate a soggetti esclusivamente disabili (con bagni e dimensionamenti degli spazi tali da abbattere le barriere architettoniche e permettere la fruizione ai soggetti disabili) nel rispetto delle normative urbanistiche e di tutti i vincoli previsti nell’area in esame.

Si tenga conto che tale innalzamento di altezza determina un incremento volumetrico inferiore al 20% dell’intero fabbricato.

RISPOSTA

Il recupero funzionale di immobili presenti in azienda può essere effettuato attraverso interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia.

La normativa regionale consente, eccezionalmente, aumenti volumetrici solo se si configurano in termini di adeguamenti igienico-sanitari delle strutture “esistenti” e di più funzionale fruizione delle stesse. A titolo esemplificativo l’ampliamento dei volumi esistenti è ammissibile per la realizzazione di locali tecnici, di servizi igienici, di accessi e di percorsi privi di barriere architettoniche.

Nel caso specifico l’innalzamento del tetto non si configura come uno degli interventi di adeguamento funzionale sopra descritti ma è volto alla realizzazione di due camere per l’ospitalità, pertanto non è ammissibile.

QUESITO 17

In riferimento al bando pubblico si chiede di specificare se quanto riportato all’art. 9 comma 4 (Dichiarazione di impegno a prolungare i titoli di conduzione) e comma 5 (autorizzazione del/i proprietario/i alla realizzazione degli investimenti) deve riguardare solo le strutture e/o i terreni oggetto d’intervento o tutti quelli riportati nel fascicolo aziendale?

RISPOSTA

Nel caso il richiedente conduce anche terreni e/o strutture in affitto è necessario acquisire l’autorizzazione del/i proprietario/i come da allegato 3 del Bando limitatamente agli immobili oggetto di intervento e che concorrono alla verifica della connessione con l’attività agricola.

Come stabilito con D.G.R. n. 9 del 14/01/2022, la “Dichiarazione d’impegno a prolungare la durata dei titoli di conduzione…” (allegato 4) non è richiesta per la partecipazione al Bando, in quanto l’art. 16 dello stesso prevede l’obbligo di mantenere la stabilità dell’operazione (inalienabilità e di destinazione d’uso) ai sensi dell’art. 71 del Reg. 1303/2003 per un periodo di 5 anni dal pagamento finale.

Ultimo aggiornamento 20 gennaio 2022, ore 12:30

Pin It on Pinterest