Progetti di valorizzazione delle filiere

PER LA RACCOLTA DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI CLICCA QUI


AGGIORNAMENTO DEL 19 NOVEMBRE 2019

La fase attuativa dell’iter procedurale relativo alla selezione dei Progetti di Valorizzazione delle Filiere Agroalimentari ha previsto prioritariamente l’individuazione (la selezione) dei progetti presentati dai partenariati di filiera (i PVF) con la sottomisura 16.0 e solo dopo, nell’ambito dei PVF ammessi a finanziamento, la selezione dei progetti legati alle aziende agricole (4.1) ed alle imprese di trasformazione e/o commercializzazione (4.2).

Sono pervenute 23 proposte di Progetti di Valorizzazione delle Filiere afferenti a tutti i 7 comparti finanziabili. Completata l’istruttoria tecnico-amministrativa di tutti i PVF presentati, sono risultate ammesse a finanziamento 13 filiere:

COMPARTO SOGGETTO CAPOFILA NOME DEL PROGETTO
1. VITIVINICOLO Cantine di Venosa S.c.a.r.l Ca di Ve
2. CEREALICOLTURA Coop. Agr. Le Matine CEREA. L
3. CEREALICOLTURA Tenute Lucane S.c.a.r.l GURAL
4. ZOOTECNIA DA CARNE Pafundi Rocco Fi. L. Ca
5. OLIVICOLTURA Oleificio Coop. OBELANUM EUFOLIA MEDITERRANEA
6. OLIVICOLTURA OP Coop. Agr. Rapolla Fiorente OLIVICOLTURA POTENZA
7. ZOOTECNIA DA LATTE Soc. Coop. Agr. a r. l. Granlatte GRANLATTE
8. ZOOTECNIA DA LATTE Pietra del Sale s.n.c. di MASI Carmela & C. SLL
9. FILIERE MINORI Pani & Funghi Soc. Agr. a r.l. BIO+
10. FILIERE MINORI Con.Pro.Bio Lucano ABL
11 ORTOFRUTTA Asso Fruit Italia Soc. Coop. Agr. P.I.F.O. BASILICATA
12. ORTOFRUTTA O.P. Agorà FILIERA ORTOFRUTTA DI BASILICATA
13. ORTOFRUTTA APOFRUIT ITALIA Soc. Coop. Agr ORTOFRUTTA MADE IN BASILICATA

Sono in via di completamento anche le istruttorie a valere sugli investimenti di filiera presentati con le sottomisure 4.1 e 4.2 e, per alcuni comparti, sono in fase di pubblicazione le relative graduatorie.

Nel rispetto delle disposizioni previste nel bando per l’attuazione coordinata, sono in via di sottoscrizione i contratti di filiera predisposti dai soggetti capofila dei PVF condivisi con tutti i soggetti partecipanti alla filiera, al fine di regolamentare i rapporti e le responsabilità tra il partenariato di filiera, il conseguimento degli obiettivi, le azioni da mettere in campo e il programma di investimenti da realizzare. Nel mentre è stato approvato il Vademecum per l’attuazione coordinata dei Progetti di Filiera, che disciplina tutta la fase attuativa dei progetti.

Successivi passi saranno quelli di definire un modello di valutazione che consenta al Dipartimento di verificare in itinere alcuni aspetti rilevanti della cooperazione, fra cui: in che modo si stanno rafforzando i legami all’interno della filiera, come le operazioni migliorano la qualità dei prodotti dei PVF e le ricadute economico-occupazionali nelle aree interessate.

 

AGGIORNAMENTO DEL 11 LUGLIO 2019

Nel rispetto delle disposizioni previste nel bando per l’attuazione coordinata, sono in via di sottoscrizione i contratti di filiera predisposti dai soggetti capofila dei PVF condivisi con tutti i soggetti partecipanti alla filiera, al fine di regolamentare i rapporti e le responsabilità tra il partenariato di filiera, il conseguimento degli obiettivi, le azioni da mettere in campo e il programma di investimenti da realizzare. Nel mentre è stato approvato il “Vademecum per l’attuazione coordinata dei Progetti di Filiera” che disciplina tutta la fase attuativa dei progetti.

Successivi passi saranno quelli di definire un modello di valutazione che consenta al Dipartimento di verificare in itinere alcuni aspetti rilevanti della cooperazione, fra cui: in che modo si stanno rafforzando i legami all’interno della filiera, come le operazioni migliorano la qualità dei prodotti dei PVF e le ricadute economico – occupazionali nelle aree interessate

Al fine di rafforzare l’esperienza maturata nel periodo 2007/2013 ed accrescere ulteriormente la competitività e la sostenibilità della filiera dei prodotti agroalimentari lucani il PSR Basilicata ha inteso consolidare le filiere dei comparti produttivi regionali dove, rispetto al passato, è stato necessario offrire un supporto in termini di servizi e soprattutto agire per stimolare e incentivare la creazione di reti stabili.  A tale scopo, è stata prevista ed attivata la sottomisura 16.0  “Valorizzazione delle filiere agroalimentari” che risponde alle esigenze di rafforzamento dell’agricoltura lucana in termini di competitività e sostenibilità, valorizzando le filiere produttive regionali più articolate e complesse rispetto alla filiera corta e prevedendo una condivisione di uno o più obiettivi comuni esplicitati in un progetto di valorizzazione della filiera (PVF) che gli imprenditori sottoscrivono e fanno propri, favorendo la concentrazione dell’offerta e accrescendo la competitività, la sostenibilità e il peso contrattuale dei comparti produttivi lucani.

La fase di start è stata preceduta dalla pubblicazione di un avviso esplorativo per accogliere manifestazioni di interesse, sotto forma di possibili ipotesi di sviluppo delle filiere.

I riscontri delle manifestazione hanno fatto emergere i principali fabbisogni in termini di investimenti, riconducibili sostanzialmente alle sottomisure 4.1 – “Investimenti nelle aziende agricole e 4.2 “Investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli”. Oltre ai principali comparti (Ortofrutta, Cerealicoltura, Olivicoltura, Zootecnia da carne, Zootecnia da Latte, Vitivinicoltura) è stato ritenuto utile far presentare candidature su “Altre filiere agroalimentari”.

Le risorse destinate alla procedura “Progetti di Valorizzazione delle Filiere Agroalimerntari (PVF)” sono state fissate in € 43.100.000, successivamente incrementate al valore di € 53.231.250.

Di seguito il quadro sinottico dei 16 massimi PVF finanziabili e la dotazione finanziaria (a valere sulle sottomisure 16.0, 4.1 e 4.2) per comparto sostenibile.

COMPARTO

NUMERO MASSIMO PVF FINANZIABILI DOTAZIONE TOTALE COMPARTO
Cerealicoltura 3 €               16.498.750,00
Ortofrutta 3 €               16.498.750,00
Zootecnica da Latte 2 €                  4.398.750,00
Zootecnia da Carne 2 €                  4.398.750,00
Vitivinicoltura 2 €                  4.398.750,00
Olivicoltura 2 €                  3.518.750,00
Altre Filiere 2 €                  3.518.750,00

 

Ultimo aggiornamento 20 novembre 2019, ore 8:33

Pin It on Pinterest